Coscienzionismo nell Arte







Presentazione di  Umberto Sardi


Nei primi incontri, alla nascita dei gruppi di lavoro di  Coscienze in rete  , si chiedeva al gruppo Arte Educazione e Cultura, di creare e svilluppare delle nuove linee guida e la nascita di una nuova corrente artistica .
Era il momento di attivare e presentare il Coscienzionismo nell Arte maturato e coltivato nella mia vita artistica e personale da Anni, contemporaneamente condiviso ed elaborato con il gruppo .


Il Coscienzionismo nell' arte nasce dall esigenza storica di restituire la bellezza e la creatività al progresso dell'umanità ; quale veicolo di guarigione umana, personale e collettiva assieme all'ampliamento di tutti gli altri corpi che costituiscono l'individuo ( l'attenzione, la meditazione,educazione etica ed ecosostenibile, l'amore ) , l'Arte diventa Arteterapia nel suo pieno potere di effetto nella materia e nella propria evoluzione interiore e spirituale.

Inoltrarsi nella propria dimensione transpersonale tramite la nostra creatività, ricucire ed armonizzare lo strappo, il distacco avvenuto nella nostra vita sensibile e inespressa.

( Il coscienzionismo nell’ arte opera con la nostra coscienza e riflette la realizzazione delle nostre qualità per ridistribuirle nel mondo )












 ˜.๑۩۞۩๑.˜˜.๑۩۞۩๑.˜






 

"Attiva Coscienza"



"Attiva Coscienza"
debutto francese del Coscienzionismo nell'Arte
Vernissage - Parigi 2010
Galleria Vire - Vent


Madrina della serata Anna Maria Bona , scrittrice e conferenziera
e con la partecipazione degli artisti coscienzionisti italo francesi

Giacomo Miceli - Karin Lansen - Pascale Siesse - Patrick D'Alessandro - Umberto Sardi













 ₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪ ₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪ ₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪ ₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪ ₪ ₪ ₪ 








il Coscienzionismo nell'Arte 
 di Annamaria Bona
( Scrittrice e Conferenziera )
“Come curarsi con i cerchi sul grano -Viaggio nel tempo con Uriel “



L’artista è da sempre un grande anticipatore della realtà circostante ed ha la capacità di rendere visivo o percettivo ciò che appare come segno dei tempi.
Egli è in grado, attraverso la percezione, l’intuito di rendere manifesto il racconto più sottile dei sensi, porgendolo con l’espressione poetica che più lo contraddistingue.
Quello che oggi sta nascendo sulla Terra è un nuovo fermento che allude alla speranza e che sta chiudendo un tempo di ingiustizie, soprusi e conflitti.
Una nuova cultura più sostenibile sta prendendo forma, nonostante i media mettano continuamente in risalto solo gli aspetti più oscuri delle nostre esistenze, per mantenerci in uno stato di involuzione spirituale e intellettuale.
Questo fermento ci conduce ad una via più compassionevole dove l’Intelligenza del cuore modella una realtà più consapevole, più sostenibile per tutti e che ci porterà verso una nuova era umana, una nuova Età dell’Oro.
Siamo tutti coinvolti in un processo di ascesa e ci stiamo risvegliando ora alla nostra natura cristallina. Il corpo di luce è il primo a ricevere la sacra luce divina, che, a sua volta, si fonde con i nostri corpi fisico, emozionale, mentale e spirituale. Ecco perché molte persone hanno più o meno percezione che qualcosa di grande sta avvenendo.
L’unione di intenti coinvolgerà ogni campo della vita e delle attività umane, per attuare questo grande cambiamento epocale.
Come ogni nuovo grande progetto costruttivo in corso, tutti i settori sono coinvolti e anche l’arte, come forma espressiva, capace di arrivare ai cuori, ne è fortemente coinvolta.
Quella che vediamo qui è proprio il frutto di questa sensibilizzazione verso una nuova coscienza, verso un comune impulso innovatore che può illuminare ed elevare il nostro vero Sé, suscitando emozioni attraverso gli archetipi.
La forma espressiva artistica ci permette di cogliere, attraverso la visione, quello stato interiore che l’artista percepisce interiormente e che riversa nella materia, nei colori, per offrirci il suo sentire.
Ora non solo la mistica ma anche la fisica Quantistica ci dimostrano che l’intenzione crea la nostra realtà. Allineiamo quindi i nostri pensieri con il mondo positivo che intendiamo creare, osservando questi quadri con occhi superiori e lasciando siano queste forme, questi colori a condurci per mano.
Mettiamoci nel silenzio interiore e acuiamo la vista superiore, trascendendo la semplice visione a cui siamo abituati da sempre.










˜.๑۩۞۩๑.˜˜.๑۩۞۩๑.˜
₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪ ₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪




 
PRESENTAZIONE E DEBUTTO IN ITALIA DEL COSCIENZIONISMO NELL' ARTE,
A TORINO DAL 14 MAGGIO AL 3 GIUGNO  
 " TORINO ART GALLERY "
di Vito Tibollo

VERNISSAGE E PERFORMANCE 
 14 MAGGIO  2011
con la partecipazione e collaborazione del
CONACREIS ASSOCIAZIONI
FONDAZIONE COSCIENZE IN RETE 
 PROGETTO SALUTE TORINO
 CLUB IL PARDO
  
 foto da " Coscienzionismo nell'Arte " di Umberto Sardi






˜.๑۩۞۩๑.˜˜.๑۩۞۩๑.˜


₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪ ₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪






 
il Manifesto del 
 COSCIENZIONISMO nell'Arte


UNA FORMA D’ARTE FIGLIA DI QUESTI TEMPI


  
È l' innovazione artistica di questa nostra epoca colma di mutati sistemi e di singolari paradigmi alle porte.

Il “ COSCIENZIONISMO nell’Arte “ è la presa di coscienza e la condizione base per l’uomo nuovo il quale , tramite l’Arte e la creatività, vuole oggi modificare e partecipare agli aspetti di ecosostenibilità e di coesione umana contribuendo e mettendo in tal modo in atto un ponte tra il cielo e la terra .

Abbiamo bisogno di una definizione artistica che implichi e stimoli un nuovo movimento ed un coinvolgimento dell’artista-individuo, nella presa di coscienza di una realtà di insieme, tramite la sua educazione e trasformazione interiore. Gli orientamenti degli ultimi anni hanno indirizzato la mente e puntato l’attenzione sul concetto della quarta dimensione spaziale. Una visione prevalentemente concettuale ed intellettuale. E’ importante la funzione della comprensione umana tramite l’esperienza diretta nel sociale e nell’insieme amorevole di tutte le parti della propria identità (com-prendere e fare proprio).
E’ auspicabile che gli artisti, i creativi, si connettano con il principio primo e universale per il miglioramento della collettività umana, attraverso la realizzazione degli attributi divini dati a loro in quanto talenti artistici .

Il risultato e la ricchezza di tutte le parti dell’essere e della collettività sono superiori al contenuto individuale, egocentrico e frammentario; l’artista ripristinando la sua funzione di sacerdote è colui che attinge dai serbatoi degli Dei, riportandoci nuove visioni e verità. Riscoprire la vera libertà nella propria esecuzione creativa, la consapevolezza di sentirsi un frammento piccolo o grande dell’immenso vaso di pandora infranto al momento della creazione .  Assaporare la gioia individuale di ungersi di pienezza nella riconciliazione e ricomposizione nel mosaico divino.
L’oscurità è l’assenza della luce. Tutti gli opposti della dualità si neutralizzano nell’ unità ; l’unità si realizza nella rappresentazione e nella comprensione della libertà di esprimersi creativamente nella luce, con la luce e per la luce. Sentirsi lieto di essere uno con l’uno.

Dopo le tre dimensioni conosciute - lunghezza, altezza, profondità - , il tempo e la spazialità nella quarta dimensione, possiamo trovare difficoltà ad andare oltre e percepire altri aspetti paralleli. Anche se conosciamo bene il concetto di multidimensionalità, esso può rimanere ad un incompleto livello di conoscenza e di informazione. E’ necessario spingersi oltre e comprendere il significato dell’essenza universale attraverso l’esperienza concreta , necessaria per la trasformazione nel sociale, nella cultura e per la costruzione della pace : L’amore.

E’ necessaria un’azione pratica e diretta di ciò che più sentiamo nell’intimo, realizzare al meglio il potere della percezione che è il vero atto della creazione .
Ciò dà all’Artista la possibilità di percepire la propria trasformazione e di attingere dalle dimensioni sottili del pianeta nel presente, nei nostri simili, nel nostro habitat.
Compito dell’Arte viene da interpretare, far notare che l’Arte è sempre altrove e l’Artista Coscienzionista è colui che sa indicare la direzione in cui cercarla ! Ciò che di bello la vita ha da offrirci è intorno a noi. Per non finire dove siamo inevitabilmente diretti, rinnoviamoci! ( il futuro è la nostra ricchezza e la nostra speranza). Siamo attratti dal futuro come una calamita perché è lì, già depositata, la nostra realizzazione.
Il vento contrario ci informa della meta e ogni disequilibrio è fonte di arricchimento e avanzamento.
Perché tutto questo ? Perché l’arte e la creatività possono agevolare tale processo di rinnovamento e di sinergie tra razze, specialmente quando le radianze artistiche sono invitate a contribuire alla sensibilizzazione di valori oramai vitali quali la pace e l’evoluzione della specie.
Dove và la coscienza, e quale è il suo fine? Abbiamo bisogno di filosofie e nuove linee guida che ci portino ad altre verità. Il creativo non ha bisogno di verificare in laboratorio, “la funzione crea l’organo “, la creatività fluida permette di travalicare il nostro pezzetto di verità, il nostro “quasi reale”, per sconfinare in un campo di coscienza planetaria e di una realtà d’insieme più vasta.  Assaporare, sentire e avanzare.

Ciò è sufficiente, a chi opera con la creatività , per la propria trasmutazione e per la costruzione di strumenti adatti per l’interpretazione di attuali e nuovi paradigmi . Crediamo che il requisito per una nuova educazione nell’arte , scomodando quest’ultima come veicolo di comunicazione e di crescita personale, avvenga, artisticamente parlando, con un salto di valore della cognizione creativa applicata alla vita. Ciò che qualifica l’uomo, ed il suo agire con coscienza: il Coscienzionismo. L’impegno sociale ed il sé entrano in gioco, per la modificazione personale e nella materia da illuminare e divinizzare, con il proprio esempio civico e responsabile. (L’UNICO MODO PER INSEGNARE AL NOSTRO PROSSIMO )
La totale libertà di espressione dell’uomo artista risiede nel proprio libero coraggio di spendersi e dedicarsi a ciò che è più ricco, più bello e più utile in questa nuova epoca.  (ogni arte è figlia del suo tempo)
Creatività come attenzione creativa e presa di coscienza del proprio agire.

Ma cos’è l’attenzione creativa?
È scoprire sempre di più, che si può fare molto di più ( prima dell’illuminazione coltiviamo la Terra, dopo L’illuminazione coltiviamo la Terra con più coscienza ed attenzione rivolta a ciò che stiamo svolgendo ).
Nella magia delle varianti, l’esigenza di un diverso modo di utilizzare i propri talenti come aspetto dell’esistenza per un nuovo contributo alla cultura, procede insieme al rinnovamento della persona artistica con la formazione di tutti i corpi che costituiscono la sua identità.  (La luce del diamante affiora sempre di più soffiando sulla polvere depositata sopra ).
(Educhiamo ed innoviamo anche l’arte, con l’aiuto della purezza e della Spiritualità )

In virtù dell’interdipendenza degli aspetti della natura, anche l’arte e la creatività hanno la possibilità di avanzare e di raffinarsi con l’interazione degli aspetti della Natura stessa.
L’Arte arricchisce l’esistere (E l’esistere cresce e si definisce con tutte le parti della vita).

L’ARTISTA COSCIENZIONISTA, da sempre anticipatore della realtà , non vuole l’opera creativa segregata nelle casseforti buie e inanimate, vittime del ritardo per la comprensione dell’arte come crescita esistenziale. Il manufatto creativo deve irradiare all’aperto, negli sguardi, nei cuori, nelle menti e nella buona volontà di partecipare all’esperienza dell’autore, motivare l’ impulso, assaporare la gioia e l’ esaltazione di un uomo dopo l’uomo, bello e più in armonia con il proprio popolo.

Il Coscienzionismo vuole uomini e Artisti coraggiosi, contenti di definirsi tali. La coscienza determina la vita per un vivere con più coscienza nel mondo. L’artista Coscienzionista agisce intimamente nel rispetto, nella bellezza, sublimando e alimentando i più alti valori dello scibile umano, con semplicità e naturalezza.
L’arte e l’amore sono in parallelo, non esiste nessun elemento della creazione che non sia un atto d’Amore, nel mondo, nella natura, nello spirito dell’uomo.
Che in questa nuova epoca il Coscienzionismo nell’arte ci risollevi dalla caduta e ci riallinei al flusso trasformatore dell’esistenza !
L’ artista coscienzionista utilizza la creatività e la sua sensibilità per completare il suo viaggio immaginario e spirituale,con l’ampliamento della sua coscienza e nella sua dimensione transpersonale, non vuole essere considerato un individuo “rotto” bloccato e dissociato, da una psichiatria scientistica e materialistica.
Non vogliamo capire i potenziali della vita con la mente, ma farne esperienza e trascendere ,in tal modo, la mente stessa . NON vogliamo creare nessuna rottura né dualità nella storia dell’Arte, per nessuna celebrità, ma, al contrario, una nuova necessaria missione attraverso la nostra testimonianza artistica.
Vogliamo pensare i nostri pensieri e non farci rapinare la vita che dobbiamo vivere ! Non vogliamo apparire, ma essere ciò che intimamente siamo.
Non vogliamo avere soltanto estro e talento artistico, ma vogliamo mettere al servizio della crescita umana e della coscienza universale il nostro dono divino accompagnato da una mente risvegliata per un agire diverso, facendo dell’artista individuo un dono della natura stessa nostra madre.
Non vogliamo parlare dell’arte o di ciò che abbiamo soltanto compreso, ma di quello che abbiamo sperimentato mettendo le nostre capacità creative all’opera, attraverso l’assemblaggio dei vari aspetti della materia visibile e non, spinti dal collante dell’intuizione e partecipando all’energia informata che informa della poetica dell’oggetto stesso ( dal mondo delle idee ).
Parto, partecipe e partecipato sono in comunione, il corpo è il sacro utensile, come anche l’intelletto, per una nuova libertà creativa.

Assaporare al meglio tale gioia ed evoluzione colma di amore .

Vogliamo rendere reali le nostre preghiere con la forza della creatività che ci è stata donata, attingere dalla sostanza dell’universo intelligente,disponibile e pieno di grazia, con la coscienza gioiosa, ricca di partecipazione e certa dei risultati: “che già ne assapora il nettare

Non vogliamo considerare ciò che ci divide, ma collaborare per ciò che ci unisce :

“ LO SPIRITO DELL’UOMO”



Umberto Sardi  -  Per Coscienze in rete ( gruppo Arte – Educazione )






" Il cielo lo guardi,
 I frutti li assapori,
Il vento lo ascolti..........
E la letizia nasce nel cuore senza spazio né tempo."


U.Sardi  






  




 ˜.๑۩۞۩๑.˜˜.๑۩۞۩๑.˜
₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪ ₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪








Biografia  di Umberto Sardi :


     Umberto Sardi, artista della nuova energia, 
nasce a Roma nel 1951 e si trasferisce a Torino nel 1982 attratto dalla città magica che meglio si inoltra nell’esplorazione della creatività come veicolo di crescita personale.

   Il suo spirito si sperimenta subito nei vicoli della Roma trasteverina di Trilussa, del teatro di avanguardia degli anni sessanta-settanta e del profumo dell’eterno.

   Ragazzo, giovane artista e creativo, avverte da sempre percezioni ed intuizioni di una realtà più vasta dell’esistenza, di un contesto multidimensionale della vita e di un bisogno sempre più forte di dare spazio a quell’intimo che vuole esprimersi e manifestarsi.

   Inizia a presentare le sue opere pittoriche negli anni settanta, partecipando a concorsi, collettive e performance d’arte ricevendo apprezzamenti per originalità e autenticità. Frequenta il Centro Sperimentale di Scenotecnica teatrale (Roma), specializzandosi in scenotecnica e luci. Vive la beat generation di quegli anni nei maggiori teatri italiani; successivamente collabora con le sue scenografie e luci con registi, attori e poeti di valore (Leo de Berardinis, Cosimo Cinieri, Giuseppe Cederna, Clara Colosimo ecc.).  

L’amore per la pittura predomina, frequenta la Scuola d’arte e restauro con il professore e maestro di vita Luigi Sabatini. Con lui matura l’essenza della propria creatività come crescita interiore, come sviluppo del potenziale umano e divino, veicolo sociale nella nostra storia di uomini e del pianeta, oggi ad un bivio per un indispensabile salto di consapevolezza, di responsabilità e di accettazione della bellezza. Si trasferisce a Torino nel 1982, (in quella Torino arcana-magica e misteriosa) dove vive e lavora, spinto dal desiderio di approfondire la molteplicità degli aspetti dell’uomo e del suo valore.

   Frequenta gruppi di ricerca spirituale e creatività (come effetto della luce interiore per risvegliare e illuminare la materia). Operatore olistico della Sicool (Società italiana counselor e operatori olistici). Approfondisce gli studi in psicosomatica e discipline energetiche presso l’Accademia Olistica per lo Sviluppo del Potenziale umano in Bagni di Lucca, sotto la direzione del Dottor Nitamo Federico Montecucco.

   Specializzato e docente in seminari di arteterapia e crescita personale, conduttore di corsi di meditazione  , yoga, collabora come operatore artistico presso associazioni culturali e centri di benessere psicofisico e per gruppi e scuole di formazione per la crescita umana, la cultura della pace e della coscienza planetaria. Da anni comunica la sua creatività attraverso varie tecniche di espressione avvalendosi di forme energetiche, (cromoterapia, mandala, pittura intuitiva, geometria sacra), che trovano riscontro anche in ambito terapeutico.


 

Umberto Sardi 3xC     Incontra molti maestri di arte e di crescita umana sul suo cammino. Il 1997 lo porta negli Stati Uniti con la scrittrice e maestra di vita Elizabeth Jenkins (Il ritorno dell’Inka) e il 1998 lo vede in Nepal con il Lama Gangchen, guaritore e divulgatore per la pace mondiale. Ha al suo attivo personali e percorsi di arte e arte dell’anima, in Piemonte, Lazio, Toscana, Lombardia, Marche, l’ideazione e produzione di eventi spettacolari con integrazione di luci, suoni, movimenti, poesie e superfici pittoriche. Tra gli altri “Acqua”, il primo Festival di Arti Multimediali in Bagni di Lucca. Direttore artistico del concerto di ectomusica per pianoforte e cristalli “Vibrazioni cristalline” con Fabio Bottaini e Anjori. Partecipa all’VIII Meeting mondiale degli artisti per la pace ad Assisi (il Mandir della Pace ).

   Una sua opera è presente all’asta internazionale Ngalso Healing Art di Albagnano di Bee. Partecipa con le sue opere e come relatore di salute e creatività in ospedali, centri di cultura e di formazione.


   Artista e ideatore della Quintapittura , la pittura dello spazio multidimensionale, spazio delle dimensioni conosciute e percepite e di quelle percepite e non conosciute, degli spazi della luce e della quinta dimensione del cuore. 

   Nella sua vita artistica ha utilizzato varie tecniche (tempera, acrilico, olio, graffito, argilla, gesso) attraversando via via stili e tappe di maturazione. e trova nel “ Coscienzionismo “ un’ampia possibilità di indefinito e di infinito a cui accedere per ricomporsi dalla frammentazione all’unità, dall’io al noi, dal cuore ai cuori. A chi continua a chiedergli quale sia il suo stile pittorico, stanco di essere definito e definirsi, risponde: “Vieni a vedere i quadri della Quintapittura, della quinta dimensione: lunghezza, larghezza, profondità, il tempo e lo spazio miscelati nella quarta dimensione e nella quinta la dimensione del cuore che unifica in una esperienza interiore come presa di coscienza di una realtà più vasta e piena di amore”.


    Tra i vari restauri in attivo la Chiesa di Sant’Eusebio a Montalto Dora (To), la galleria e gli affreschi della Sala del trono del Museo delle uniformi ed etnografico del Castello di Castellar (Cn) sec. XIV (Soprintendenza delle Belle Arti del Piemonte)

   Ultime personali alla Rocca di Sassocorvaro (Pu) “l’Arca dell’arte”, alle Terme Jean Varraud a Bagni di Lucca (Lu) e al Castello di Mango (Cn), dei marchesi Busca, sede dell’Enoteca Regionale del moscato.

 

 

 

   Presenta assieme ad amici-artisti parigini un nuovo movimento artistico, il “ Coscienzionismo “ in prima mondiale alla galleria VIRE-VENT di Marie-Thèrèse TAJAN a Parigi, l’11-12-2010. Attualmente si sta impegnando nell'organizzazione del debutto previsto per la primavera 2011 a Torino, di questa nuova corrente artistica , per la sua divulgazione ed espansione in Italia .  






   



 ۩๑๑۩๑๑۩ ۩๑๑۩๑๑۩ ۩๑๑۩๑๑۩ ۩๑๑۩๑๑۩ ۩๑๑۩๑๑۩ ۩๑๑۩๑๑۩ ۩๑๑۩๑๑۩


 
 
 La   "QUINTAPITTURA"  
 
UN RAMO DEL COSCIENZIONISMO







 
La Creatività come recupero di valori. 
In una serie impressionante e meravigliosa di aspetti che compongono l’uomo, in una maggiore interezza rispetto a quello che crediamo, a quello che viviamo, a quello che ricerchiamo.  Noi non ricordiamo a causa della dispersione di energia, di una memoria disattivata, e di un’abitudine condizionata a credere che siamo scollegati dal resto dell’esistenza, dalla natura, da piani paralleli intelligenti e vitali che ci circondano e che completano l’uomo. Abbiamo tutte le potenzialità per ricongiungerci coscientemente al resto dell’uomo, congiunto ad una realtà più vasta e spirituale. 
Attraverso la gioia (radiazione antidepressiva), attraverso l’ampliamento del potenziale creativo, attraverso la fantasia e l’immaginazione. La creatività è uno degli strumenti offertoci dal gioco divino per addensare in noi del potenziale energetico e gioioso, attivandolo dai serbatoi degli dei. 
Abbiamo conoscenze e informazioni cui attingere per ricordarci che sono conoscenze ed informazioni che appartengono a noi, noi come mente di specie, informazioni che abbiamo creato e depositato nella biblioteca eterna ancor prima della nostra frammentazione, conseguente ad un avanzamento tecnologico contemporaneo, sempre più scollegato da valori intimi e spirituali.    La Gioia, la Fantasia, l’Immaginazione, la Creatività che affiorano dal nostro profondo sono le sensibili tracce che ci stimolano a lavorare diversamente. Ciò che affiora dalla fantasia, dalla creatività sono possibilità, potenziali. Esercitarsi ed inoltrarci nell’immaginazione e nella creazione, ci permette di vivere questo allenamento per la trasformazione dell’essere. 
 
La creatività è uno strumento adatto per tale scopo, strumento disimpegnato, innocuo, individuale, flusso radiante, fenomeno misterioso nell’essere che ci permette di addentrarci nella fantasia e seguire un processo di raffinazione mettendoci in contatto con zone diverse e parallele.  Se non prendiamo coscienza di questo processo, la Creatività diventa un susseguirsi di fenomeni dissociati e scollegati da un processo di integrazione. 
La persona, in generale, capta impulsi dalla fantasia, dal profondo del proprio essere, dove sono depositate informazioni, archetipi e garanzie per migliorarci, ma è importante ricollegare tali informazioni, ricollegarci alla totalità dell’esistenza.
L’Arte nel Terzo Millennio si esprime come “Coscienza creativa”, in un processo di continuità ed evoluzione, assieme alla meditazione, alla psicosomatica, al concetto di ascensione, alla cultura dell’uomo olistico, per una maggiore consapevolezza dell’individuo, nella speranza di una partecipazione indipendente, ma collegata al resto degli elementi della vita. 

E’ auspicabile più autoconsapevolezza per un nuovo rinascimento sociale e personale, per un processo inevitabile e urgente di essere individui più attivi e coscienti, per un aiuto indispensabile alla trasformazione vitale del pianeta. 


  
La trasformazione è stimolata da benefici e radianti influssi cosmici. Tutti siamo artisti, co-creatori della nostra vita, qualsiasi cosa facciamo e ovunque siamo. 
Riconoscere il nostro potenziale creativo ci permette di coesistere meglio con noi stessi e cooperare meglio con gli altri. “L’Arte è figlia del suo tempo”: quale Arte è figlia di questo tempo, dove la rivoluzione quantistica rimescola i punti fermi della vita che abbiamo studiato, concetti che creano ormai le nostre incertezze? Un tempo dove si allarga il contenitore multidimensionale, mettendo in dubbio la nostra stessa origine, terrestre? Multipla? Un tempo non esistente al di fuori dei nostri orologi, perdendosi in un ignoto inconoscibile, come in una poesia mai scritta e mai letta, ma viva nella nostra stessa energia vitale informata.
 
 
Nasce la Quintapittura, la pittura dello spazio multidimensionale, spazio delle dimensioni conosciute e percepite, di quelle percepite e non conosciute, dello spazio etereo, della quinta dimensione della luce e della luce interiore del fuoco centrale (riprogrammiamo le nostre cellule)
In una commovente visione della traiettoria pericolosa del nostro pianeta e dei suoi figli, per non finire dove siamo inevitabilmente diretti, risorgere uomo, creativo, indipendente, con pace interiore, armonico, cooperante con tutte le forze in atto, per dare più significato alla propria vita, per la cultura dell’armonia e un futuro migliore.

  
Umberto Sardi

 



 
˜.๑۩۞۩๑.˜˜.๑۩۞۩๑.˜
₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪ ₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪
 
 


 
 ˜.۩۞۩.˜˜.۩۞۩




˜.۩۞۩.˜˜.۩۞۩

 

 



˜.۩۞۩.˜˜.۩۞۩






˜.۩۞۩.˜˜.۩۞۩






 .۩۞۩.˜˜.۩۞۩






" La verità è fatta di bellezza in attimi continui e pulsanti, fin dal principio della nascita del tempo, figlio dell’eternità.  Regalati una vita, regalati questa vita.
Arte e azione, imprevedibilità, rischio continuo nella ricerca del bello e dell’utile, ogni attimo una meta, ogni tappa un arrivo, ogni uomo una stella che brilla nella luminaria infinita dell’eterno divenire.
In una commovente visione della traiettoria pericolosa,per non finire dove siamo inevitabilmente diretti, risorgere, uomo, creativo, indipendente, con pace interiore, armonico, cooperante con tutte le forze in atto, per dare più significato alla vita, per la cultura dell’armonia e un futuro migliore.
La verità è in noi come in una poesia mai scritta e mai letta, ma viva nella nostra stessa energia informata. "



 
˜.๑۩۞۩๑.˜˜.๑۩۞۩๑.˜


₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪ ₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪

 









Presentazione  " COSCIENZE IN RETE "




Cari amici,


In questo momento in cui la situazione del nostro Paese suscita gravissime preoccupazioni e sgomento, il mondo si dibatte nella desolazione prodotta dalla finanza e nel sangue di guerre insensate, e ci sembra oscurarsi la speranza per il futuro per noi e ancor più per i nostri figli, tuttavia con tenacia e determinazione continuiamo a credere che solo noi siamo gli artefici del nostro destino.
Noi non vogliamo che un'economia criminale divori la nostra vita, che depredi l'aria e la terra fino al loro esaurimento definitivo, pretendiamo che il lavoro non diventi schiavitù ,
che i diritti democratici siano davvero di tutti e non di pochi privilegiati.
Vogliamo sradicare la menzogna che si è impadronita dei mezzi di informazione, e che vorrebbe conquistare le nostre menti e il nostro cuore, calpestando la verità e l'onestà che animano le azioni della maggior parte della gente.
Noi non siamo rassegnati ad osservare e a subire la trasformazione del nostro Paese, che sta perdendo le sue profonde connotazioni di bellezza, solidarietà, e di buona vita.
Crediamo invece fermamente che sia nostra responsabilità e in nostro poter modificare lo stato delle cose che viviamo quotidianamente.
Siamo noi che possiamo e dobbiamo realizzare il cambiamento che riporti alla civiltà il nostro mondo.
Con questa volontà comune sono nati molti gruppi che si stanno allargando e radicando in tutto il territorio nazionale: gruppi di solidarietà sociale, di acquisto collettivo, contro lo spreco e contro l'esclusione sociale e razziale.
Fra gli altri, si è costituito ad Orvieto nel mese di maggio 2010, il movimento nazionale "Coscienze-in-rete" che si è presto radicato nel territorio piemontese con una diffusione ampia e coinvolgente.
Dopo lunghe esperienze in vari campi sociali e politici ci siamo convinti che si può cambiare il mondo solo attraverso il miglioramento delle nostre qualità interiori  perché la storia prova a sufficienza che i cambiamenti dall'esterno hanno prodotto solo nuove ingiustizie, violenza e corruzione.
Molti di noi hanno esplorato negli anni con un intenso percorso personale la propria essenza più nascosta e segreta .
Abbiamo lavorato duro per dissodare il campo della mente e dello spirito.
Ora il terreno è pronto per una vasta semina che, ne siamo certi, darà un grande e rigoglioso raccolto.
E' venuto il tempo che le coscienze si aprano al mondo per mostrare il disegno che le tiene unite.

Questo è il tempo della libertà e della giustizia.

Un popolo mondiale si è messo in marcia e avanza con fiducia e determinazione, è una moltitudine inarrestabile, portatrice di pace e di verità.
Noi siamo alcuni fra i molti, il nostro scopo è conoscerci e cominciare a lavorare insieme.
Vogliamo che questo movimento cresca e si espanda, vogliamo che chi crede di essere solo, possa contemplare gli altri al suo fianco, rallegrandosi di quanto numerosi siamo e quanto forti e coraggiosi.
Vogliamo creare l'unione con tutte le altre forze che si stanno organizzando.
Abbiamo in mente chi ci ha preceduti nel cammino. Con appassionata gratitudine guardiamo a loro, Gandhi, Tolstoj, Sri Aurobindo, e tutti quelli che hanno tenuto accesoil fuoco nella notte.

Ora sta nascendo l'alba, già vediamo alzarsi un giorno migliore.
C'è bisogno che cresca la fiducia perché l'aria torni pulita e salubre e si possa di nuovo respirare liberamente, per mangiare prodotti coltivati con mani e cuori liberi, non da schiavi, per salvare la Terra dalla rapacità che la distrugge e ridare ai nostri figli e ai figli dei loro figli  un futuro possibile, perché si possa godere naturalmente del lavoro che è libera espressione della creatività umana e non dura oppressione e sfruttamento di pochi sui tanti, per ritornare a vivere in un Bel Paese dove l'arte , la cultura e lo spirito sono tenuti in valore.





Ogni azione che facciamo in questa direzione accelera la creazione del mondo che vogliamo e che è già tutto dentro di noi come ogni bambino che aspetta di nascere.

Rossana Becarelli
Raffaele Pezzo
Paolo Pallavidino





˜.๑۩۞۩๑.˜˜.๑۩۞۩๑.˜

₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪ ₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪












˜.๑۩۞۩๑.˜˜.๑۩۞۩๑.˜


₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪ ₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪




…. creatura da quale tempo arrivi?

Dal passato, dal futuro, da un tempo sconosciuto alla tua intelligenza?
Sicura e maestosa esci dalla sostanza dell’esistenza, delicata raggiante e frizzante e semplicissima, ma nel sogno reale in cui esisti; da quando? In quale dei tanti universi, in vita da sempre?
Indistruttibile, delicata, trasparente, riesci – come il sole all’alba di una notte scura – in forma a modellare le epoche e i pensieri.
Una funzione fra conscio e inconscio, un temerario sguardo all’ignoto, al nulla che tutto contiene e concretizza la tua vita.
La partecipazione attiva, spontanea, sensoriale del guardare: sarà forse una proposta a stimolare la tua memoria? A ricostruire tramite il nostro piacere fantasioso, le tue primordiali origini?
Un quadro di arredamento che ti ascolti, quando si lascia osservare, impegnato e responsabile dell’esistenza di quei piccoli occhi che sussurrano “presente” alla tua vita? Che conoscono il messaggio antico, trama tra lo Spirito e la Forma, in cui si manifestano?

 


˜.๑۩۞۩๑.˜˜.๑۩۞۩๑.˜
₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪ ₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪₪₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪ ₪₪



Gallerie Fotografiche :




*
 

*

 Corsi e seminari di  arteterapia e crescita personale













۩๑๑۩๑๑۩ ۩๑๑۩๑๑۩ ۩๑๑۩๑๑۩ ۩๑๑۩๑๑۩ ۩๑๑۩๑๑۩  ۩๑๑۩๑๑۩  ۩๑๑۩๑๑۩







۩๑๑۩๑๑۩ ۩๑๑۩๑๑۩







۩๑๑۩๑๑۩ ۩๑๑۩๑๑۩






 1° Festival  "Arte Medicina Creatività" Torino - 19 Maggio 2013



 in collaborazione con il Coscienzionismo nell'Arte. Direttore artistico Umberto Sardi

 http://issuu.com/gabriellamangini/docs/primo_festival_arte_medicina_a_torino_maggio_2013_?mode=window

su Arte Nascosta
http://www.artenascosta.net/2013/05/larte-della-guarigione-primo-festival.html
http://www.comunicatistampa.name/eventi/umanizziamo-la-medicina-1festival-arte-medicina-creativita-a-torino-19-maggio-2013/




۩๑๑۩






...La solitudine è sportello chiuso sul passaggio verso la Conoscenza più antica, da ignoti paralleli.
Ma, al di là, è luce e movimento, colore e organizzazione dei pensieri ora sfrangiati.
Non sopportazione, ma liberazione, rivelazione…………….



۩๑๑۩






Il   Coscienzionismo nell’Arte  è aperto

a tutti gli artisti, persone, ricercatori, associazioni,  che si riconoscono

 nello Spirito del movimento .






۩๑๑۩๑๑۩ 
 
۩๑๑۩๑๑۩   ۩๑๑۩  ۩๑๑۩๑๑۩ ۩๑๑۩๑๑۩  ۩๑๑۩   ۩๑๑۩๑๑۩







 i link di Gabriella Mangini 
 Arte  Artigianato :




Per le immagini di questo blog , la proprietà è riservata e vige il divieto di riproduzione




.









1 commento:

  1. This painting is very good and showing a reality of some historical place. I appreciate the creativity of this artist who paint such a nice painting. you can visit: http://www.indiavisitinformation.com/

    RispondiElimina

Lascia un tuo parere